Bolg Augusto Visintini

Forum architettura e Interior Design

//STRANO DESTINO PER UN ARCHITETTO (AMICI SPECIALI)

STRANO DESTINO PER UN ARCHITETTO (AMICI SPECIALI)

Per realizzare uno degli edifici a cui tengo maggiormente è stato necessario demolire un’altra pregevole architettura: la villa di famiglia, progettata dall’arch. Luis Plattner nel 1961. Era indubbiamente un bell’esempio di modernità contestualizzata.

L’edificio è stato raso al suolo nel 2011 ma un pezzo della memoria artistica familiare è stato fortunatamente salvato dalla sensibilità e dalla lungimiranza di un mio amico, Kurt Baumgartner, che si è assunto l’onere dello smontaggio e dello stoccaggio del dipinto murale che sovrastava l’ingresso, opera dell’artista sudtirolese Heiner Gschwendt (Bolzano/Bozen 2014- Chiusa/Klausen 2011).

Quando progetto, non penso mai al fatto che prima o poi un altro collega progetterà l’abbattimento del mio lavoro, con tutte le memorie che custudirà. Eppure è molto probabile che succeda, osservando la storia delle nostre città. Spero tanto che in quel momento anche lui abbia degli amici speciali come i miei.

I SOFFITTI FANNO LA DIFFERENZA i soffitti fanno la differenza    

FINISCE LA MIA “BREVE” STORIA NELLA SCUOLA CON UNA LUNGA STORIA In questi giorni si concludono le operazioni di collaudo tecnico e amministrativo dell'incarico che mi ha impegnato più a lungo: nel 1999 ho

STRANO DESTINO PER UN ARCHITETTO (AMICI SPECIALI) Per realizzare uno degli edifici a cui tengo maggiormente è stato necessario demolire un'altra pregevole architettura: la villa di famiglia, progettata dall'arch. Luis Plattner nel 1961. Era

PRATI DI GRIES/GRIESER AUEN, FATTE LE PRIME DEMOLIZIONI Realizzare un nuovo quartiere residenziale per 1.500 persone è una vicenda molto complessa. Pensate che la sola fase ideativa e autorizzativa è durata sei anni. Ma

Le più richieste

  • Architetto

 

2016-11-07T12:43:58+00:00 Blog|